Il senso del “sacrificio”

pogba dybala

Farlo solo con una ragione fondata: attraverso una logica utile al completamento del puzzle.

Paulo Dybala e Paul Pogba, tanto preziosi quanto inversamente proporzionali alla nuova Juventus di Maurizio Sarri.

Non è un caso che la Joya sia, ad oggi, un grosso punto interrogativo per lo scacchiere Sarriano; complice un’involuzione che, forse, dipende più da sé stesso che dalla precedente gestione bianconera.

Dalla mancanza di personalità nelle notti che contano, sino ad un gossip sempre più crescente intorno alla propria sagoma; la flessione del ragazzo di Laguna Larga non può più essere tollerata.

L’affluenza di armi nucleari nel reparto avanzato non gioca sicuramente a suo favore, ponendo Paulo non più, esclusivamente, al centro del sistema Juve.

Se dall’altra parte, invece, si cerca di trovare l’anello debole del dream team costruito intorno alla figura di Cr7, ecco che Paul Pogba sarebbe, senza ombra di dubbio, il giusto tassello per chiudere il cerchio.

Un recinto, quello di centrocampo, che sembra scoperto da troppo tempo e che sicuramente i parametri zeri degli ultimi tempi non possono completare.

Ecco, perché, al di là della stuzzicante suggestione Neymar e delle pirotecniche frecce targate Chiesa ed Icardi, forse, il Polpo rappresenterebbe il nome giusto per formare una squadra, finalmente invincibile, o quasi.

La mediana, continua ad essere una linea composta da buoni calciatori, senza però il fuoriclasse di turno in grado di “strappare” le sorti di un match con una giocata singola.

Un piccolo handicapp, insomma, che cozza pericolosamente con gli altri due reparti di pregevole fattura, ma gioco forza, dipendenti dal cuore dello schacchiere di gioco.

Scambiare Pogba con Dybala (trattativa difficile), o acquistarlo con i cash reperiti proprio dalla cessione del numero 10 bianconero, a questo punto, sarebbe un sacrificio sensato.

D’altronde il calcio europeo, vicino al Sarri pensiero, si deve fondare su un centrocampo di qualità fuori dal comune, per far sì che la Champions non rischi di rimanere nel tempo, per l’ennesima occasione, un sogno svanito per un pelo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...