O animal

emre can.jpg

Ora la belva si è appropriata del territorio e ne ha segnato il confine.

Difficile trovare aggettivi per le ultime prestazioni di Emre Can, proprio colui che fino a qualche mese fa, rischiava di essere un oggetto ancora poco decifrabile nel contesto Juve.

Nulla da dubitare sulle qualità di un calciatore preziosissimo per Jurgen Klopp, che ha provato con le unghie a tirarlo ancora verso Anfield: ma è la capacità mentale di risalire gli inferi che ha colpito profondamente.

Il ragazzo di Francoforte sul Meno è riuscito non solo a lasciarsi i problemi di natura fisica alle spalle, ma ha conquistato la Juventus con l’arma della leadership.

Già, perchè assestare un centrocampo con le proprie capacità fisiche ma sopratutto morali, è una virtù che non si trova tanto agevolmente.

Ne hanno tratto beneficio Pjanic e compagni, miracolasamente meno impauriti e prevedibili di quelli ammirati nei primi 2/3 di stagione.

Se a poi a ciò si aggiunge la versatilità di un calciatore capace di giganteggiare anche nel reparto arretrato; allora quel parametro zero comincia ad identificarsi sempre più con una miniera d’oro.

Particolari che non possono non sommarsi alla carta d’identità, che recita l’anno 1994: un’autostrada di crescita verso l’orizzonte.

Maturazione, di per sè già ben delineata sulla figura di Emre Can, che porterà la Juventus, finalmente, ad avere una colonna su un centrocampo, da troppo tempo fragile alla base.

E da uno capace di riemergere dalla tortuosità del destino italiano, prendendosi di prepotenza una squadra, disordinata a livello di gioco, ci si possono attendere ancora ulteriori e roboanti ruggiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...