Imbarazzante superiorità

1543699811825.jpg--la_juve_straccia_la_fiorentina__3_0__e_la_sampdoria_smonta_il_bologna__4_0_

Non resta che invocare qualche entità divina del calcio italiano per sovvertire un limpido quanto schiacciante destino.

Chissà quale sarà stato il sentimento provato dalle inseguitrici della Juventus al triplice fischio finale del Franchi, dopo l’ennesima trappola evaporata nel nulla.

Chiellini e compagni archiviano l’ostile trasferta fiorentina con una maturità mentale oramai scolpita nelle vene gobbe.

Già, perchè questa compagine sembra assumere sempre più le vesti di un plotone pronto ad annientare il nemico ancor prima nella mente che nel fisico.

Una strategia quasi naturale che ad oggi non ha mai avuto segnali di fallimento, eccetto per due passaggi a vuoto (Genoa e Manchester Utd), più voluti dalla Vecchia Signora che dal fato.

Condizione, questa attuale, che può e deve sicuramente migliorare ancora, nonostante il grosso margine di vantaggio sulle dirette concorrenti.

La manovra profusa in terra Toscana, comprendente fluidità, ritmo e soprattutto incisività, è stata la migliore stagionale; anche se il caricamento della perfezione sembra ancora debba essere completato.

Le assenze chiavi di Emre Can in mezzo al campo, insieme al recupero di Bernardeschi e quello prossimo del jolly Spinazzola, potrebbero fornire fosforo e nuova linfa ad una squadra di per sè già “animalesca”.

Proprio questa risulta essere la preoccupazione più grande del resto d’Italia dalla maglia colorata: la Juventus non è ancora al top, eppure è una lepre dalla velocità supersonica.

Marchingegno di ultima generazione, capace di permettersi gente come Douglas Costa in panchina, Dybala sacrificato per il collettivo ma depotenziato in zona gol e un Pjanic ancora non perfettamente brillante in mediana.

Merito di una qualità straboccante, di giovani come Bentancur e Cancelo decisamente esplosi come una bomba ad orologeria; di uno spirito familiare capace di esaltare un silenzioso gregario alla De Sciglio.

Dna da sempre radicato nel corpo della Vecchia Signora, oggi più che mai dominante su ogni suolo calpestabile.

Risultato di una miscela esplosiva fra tradizione e quell’alieno venuto dallo spazio chiamato Cristiano Ronaldo.

Il resto è avvisato: cercasi santi footbalistici in grado di evitare una catastrofica zebrata realtà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...