Bologna-Juventus 1-2: Kean il romantico illumina in Dall’Ara

Partiamo da quel 94′, da quel colpo di testa desiderato, da quella corsa a perdi fiato sognata fin da bambino. Moise Kean, non uno qualunque, semplicemente un predestinato: colui che dovrà far coincidere la testa al fisico per riempire pagine future di storia bianconera. 

Il resto è un semplice ed attento allenamento in vista di quel tarlo che non darà respiro fino alle 20:45 di Sabato 3 Giugno. 

Ma ai pensieri ossessivi si penserà da domani: il calcio non è solo tattica ed ansia da prestazione; a volte, fortunatamente si vive ancora di romanticismo, come quel 94′ di una futile serata a Bologna…

Cardiff attenda: sono 1,2,3,4,5,6… Leggenda!

Chi vince scrive la storia gli altri la leggono: comporla per sei anni consecutivi è creare un romanzo leggendario. Il sesto scudetto consecutivo, l’ennesimo anello di congiunzione con una risalita forzata, obbligata, ma condotta con cuore dall’inferno al paradiso. 

Questo spazio di gloria ed invidia calcistica, oggi più che mai è presidiato da Buffon e compagni con orgoglio, sacrificio ed amore per la propria maglia. 

È stato lo scudetto più difficile, perché quello della perenne conferma, per non smentire quel netto favoritismo mediatico che spesso può creare un vortice di pressione terribilmente schiacciante. 

L’arrivo del bomber Higuain, lo “scippo ” di Pjanic ai rivali giallorossi, quel centrocampo orfano della stella Pogba, ma reinventato magistralmente da Allegri: potevano creare degli interrogativi difficili da sciogliere nel tempo. 

La consacrazione di Dybala, l’invunerabilità della BBBC, la fame del Pipita ed il cuore immenso del guerriero Mario Mandzukic: ingredienti mescolati alla perfezione da Allegri per un risultato, ancora sentenzialmente vincente. 

C’è chi si accontenta di giocare il miglior calcio d’Italia, chi è fiero di essere la prima antagonista della Signora: ma per la sesta volta è ancora lei a scolpire la storia. 

Che l’ultimo passo datato 3 Giugno attenda: oggi sono 1, 2, 3, 4, 5, 6: insomma leggenda!!!!!!