CHIEVO-JUVENTUS 1-2: IL “MAGO” PJANIC SALVA LA SIGNORA DALLA PALUDE VERONESE…

pjanic

 

Una pennellata soave, delicata, ma al tempo stesso roboante come un uragano: Miralem Pjanic estrae una delle sue magie da calcio da fermo, conducendo la Juventus ad una difficile vittoria in quel di Verona.

Che la partita non sarebbe stata una passeggiata di salute, lo si era capito dopo appena un minuto; quando Barzagli ha dovuto lasciare il campo anzitempo a causa di un brutto infortunio alla spalla sinistra.

La solita manovra lenta ed elaborata della Vecchia Signora, oramai un marchio di fabbrica in questa prima fase di stagione; cozza con l’intrapendenza clivense, fatta di pressing, intensità e pericolose ripartenze.

Capita così, che il solo Hernanes cerchi di dare un pò di inventiva ad un giropalla alla “camomilla”, con Higuain e Mandzukic serviti con il contagocce.

Proprio il Pipita, quest’oggi in versione “turista per caso”, si divora la prima delle due clamorose opportunità avute nell’intero match, sul finire del tempo.

La rete improvvisa di Mandzukic in avvio di ripresa, su una dormita clamorosa della retroguardia di casa; riattiva immediatamente quel “sensore di gestione”, tanto caro a Massimiliano Allegri.

I fantasmi di Lione, così, non tardano a materializzarsi al 66′, quando un ingenuo Lichtsteiner affossa il sempreverde Pellissier in area di rigore, permettendo al capitano gialloblù di pareggiare il match.

La reazione dei Campioni d’Italia sembra ricalcare quella confusionaria nel finale della partita di mercoledì in Coppa; finchè al 75′ Dainelli stende Pjanic al limite dell’area.

E’ in quel momento che il Pianista, estrae dal cilindro il coniglio magico, souvenir dei bei tempi romani passati; descrivendo l’arcobaleno vincente alle spalle dell’impotente Sorrentino.

Le occasioni di Sturaro, la slalom gigante di Cuadrado e il remake di Pjanic su calcio da fermo, non cambiano un risultato, che poteva assumere i contorni più marcati nell’ultimo scorcio di gara.

La solita Juventus lenta, prevedibile e con un centrocampo sempre più rivalutabile in senso negativo, viene salvata da Miralem Pjanic: perchè in Italia, spesso basta una preziosa schiccheria del campione, per condurre fuori la Signora dalle difficili paludi di provincia.

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...