Juventus-Napoli 3-1: bianconeri sempre al Max, annichiliti  anche i partenopei

  

Niente da fare: cambiano gli interpreti, ma il prodotto in questa stagione resta sempre e solo uno; la vittoria.

Il triste destino della sconfitta nello Juventus Stadium, questa volta è capitato al Napoli di Benitez, che da oggi,forse, ha perso definitivamente l’ultimo treno per l’Europa che conta.

I padroni di casa, per la verità rispetto ad una settimana fa a  San Siro, ci mettono solo 13′ a carburare, passando in vantaggio con Pereyra, che sfrutta un assist prelibato del giovane Coman.

Il Napoli, colpito nell’orgoglio prova a reagire, ma sbatte contro il muro difensivo eretto magistralmente dal solito Barzagli e continuato a metà campo dal gladiatore Sturaro.

Nella seconda frazione di gioco, però, il risveglio ospite, procura un rigore ( generoso) per fallo di mano di Asamoah sbagliato da Insigne, ma poi corretto in rete da David Lopez ed una serie di occasioni , sventate magistralmente da Buffon.

Emblematiche le parate miracolose proprio su David Lopez, Hamsik e Gabbiadini; che testimoniano, qualora ce ne fosse ancora bisogno, la leadership di Gigi nel suo ruolo a livello mondiale, nonostante l’anagrafe non sia più rosea come un tempo.

Sul pareggio però, emerge la caratteristica che ha reso questa squadra strepitosa e indomabile in tutta l’annata trionfale: la voglia di vincere.

Sale in cattedra così Stefano Sturaro, che dopo una partita tutta muscoli  e polmoni, sfodera dal cilindro un numero fra i paletti con interno sinistro incorporato sotto la traversa, che fa esplodere nuovamente lo Stadium al 77 minuto.

Il finale poi è tutto arroventato, con i partenopei che tentano inutili assalti al fortino bianconero e Britos che in pieno recupero perde le staffe, colpendo con una testata Morata e procurando un ingenuo calcio di rigore trasformato poi da Pepe per il definitivo 3-1.

Il resto poi è festa pura con tanto di abbracci e sorrisi e con una colonna sonora che anche oggi, nuovamente risuona ridondante nello Juventus Stadium:”O’ surdatu nnammuratu”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...