Grazia Mitra!

mitra

Il Mitra ha colpito nuovamente, con la sua freddezza, la calma e l’ umiltà tipica di un grande ragazzo oltre che di un ottimo calciatore.

In molti , quando nel Gennaio scorso hanno rivisto il bomber di Sant’Angelo Lodigiani varcare i cancelli di Vinovo; avranno pensato alla solita minestra riscaldata, che con la Juve dei Tevez e Morata, probabilmente non sarebbe servita a nulla.

Il campo però, è sempre stato il mezzo con il quale Matri ha risposto a suon di gol, di gol pesanti; come non scordare la rete decisiva nel primo scudetto contiano contro il Milan di Allegri appunto; così come la marcatura pesante in Champions agli ottavi di qualche anno fa con il Celtic o altre gemme sbocciate, quando il Mitra è entrato a partita in corso.

La sua storia bianconera, tuttavia sembrava essersi conclusa due anni fa , quando era finito dietro le gerarchie di Conte; da lui però sempre accettate in silenzio e con umiltà.

La storia poi, ha voluto che il bianconero lo richiamasse, perchè c’era ancora bisogno dei suoi “gol sicuri” e lui ha risposto presente, con la gioia e l’entusiasmo di quella prima volta, quando sbarcò da Cagliari con il suo sogno che si esaudiva.

Il suo vecchio maestro Max Allegri, non si è affatto mai dimenticato di lui e nonostante i mostri sacri in attacco, negli ultimi mesi si è spesso “servito” del suo vecchio bomber, addirittura come prima scelta nell’attacco di scorta.

Capita cosi che nei pochi scampoli di partite in cui è stato impiegato, segni un gol pesante a Firenze, nella semifinale trionfante di ritorno di Coppa Italia e causi il rigore a San Siro contro l’Inter nella vittoria di Sabato scorso in Campionato.

Ma la ciliegina sulla torta Matri se la riserva ieri sera nella finale di Tim Cup; quando entra in campo per un impalpabile Llorente e nei supplementari lancia la sua pallottola nel cuore biancoceleste, regalando ai bianconeri una Coppa che mancava da 20 anni.

Il futuro prossimo ora si chiama Berlino, poi con ogni probabilità il bomber lombardo migrerà per altri lidi; portando nel cuore però sempre i successi bianconeri che inequivocabilmente portano anche le sue firme pesanti.

Comunque andrà in futuro, tutti i tifosi juventini riserveranno un grazie a Mitra; grazie a quelle pallottole d’oro sparate con cuore ed umiltà…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...