Il “coraggio” della paura

  

Spesso le dichiarazioni di ” guerra” o i ” gridi” di battaglia urlati ai quattro venti, rappresentano uno scudo dietro il quale celare le proprie imperfezioni e paure.

Il Real Madrid di Carlo Ancelotti, sembra adottare tale strategia a 3 giorni di distanza della semifinale di ritorno contro la Juventus.

I blancos, che devono recuperare un gol, anche ieri ,hanno dimostrato il proprio momento di forma psico-fisica non ottimale, come testimonia il pareggio casalingo maturato contro il Valencia al Bernabeu, che ha pregiudicato la Liga a Cr7 e company.

La difesa, anche ieri ha traballato vistosamente, regalando due gol agli avversari e numerose palle- gol per chiudere il match a metà ripresa.

La rimonta dei galcticos nel finale ha ridato ” linfa”, ad un team che però è in evidente regressione rispetto alla stagione fantastica appena trascorsa.

Le parole a fine gara di Ancelotti e Pepe, di fiducia in vista di Torino, sanno più di orgoglio che di consapevolezza , per non perdere lo scettro di Campione d’Europa prematuramente; soprattutto nella propria casa.

Tali comportamenti e tali frase di circostanza ricordano molto quelle che il Barcellona di qualche anno fa pronunciò prima del ritorno della semifinale contro l’Inter di Mourinho; quando Messi e compagni erano sicuri di mettere in atto la “remuntada”.

Il risultato poi non lascio spazio a commenti ulteriori.

Non sappiamo se il responso sarà lo stesso questa volta; ma una cosa è certa, i galacticos non sono così imbattibili e il “coraggio” della paura, più che una sicurezza è un’arma messa in atto dai Campioni per difendersi dall’esercito bianconero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...