Scusaci Leo!

  

Nel calcio, si sa, come nella vita ci si può sbagliare su una situazione, su un parere, su un particolare.

Il popolo bianconero, oggi più che mai, si riconosce ed esalta il suo numero 19 Leonardo Bonucci;autentico leader e trascinatore, dentro e fuori dal campo con la maglia bianconera.

E dire che lo scetticismo attorno al difensore viterbese serpeggiava in una buona fetta della tifoseria; che fin dal suo tesseramento, avvenuto per la massiccia cifra di 15,5 milioni di euro; aveva pensato che l’investimento per quel difensore si giovane, ma con delle lacune, fosse stato un grosso errore.

La sua prima stagione, all’interno di un gruppo allo sbaraglio dalla cura Del Neri; lo aveva etichettato come un bidone, non pronto per un team così glorioso e blasonato.

Ma Leo, che ha avuto sempre nel coraggio e nella testardaggine, la sua forza principale; non si è perso d’animo e lavorando sodo e con tenacia ha cominciato ad intravedere piano piano la luce.

L’occasione d’oro, gli si presenta quando al timone della nave bianconera, sale Antonio Conte; che riesce a dare fiducia a calciatori depressi dagli anni precedenti e a seminare quella mentalità vincente, che poi sarebbe fiorita negli anni futuri. 

La messa in piedi della difesa a tre, sembra sia stata per Bonucci una manna dal cielo; con il numero 19 nel nuovo ruolo di “regista” basso, in grado di sfruttare tutte le sue qualità di impostazione di gioco.

I tre anni che ne conseguono sono stellari, con i bianconeri che portano a casa 3 scudetti consecutivi, con alla base la miglior difesa del torneo.

Eppure nonostante ciò, Leonardo viene sempre indicato come il capro espiatorio dei pochi scivoloni avvenuti soprattutto in Europa; dove si dice dietro occorrono uomini di spessore.

La stagione corrente però, è quella della consacrazione definitiva di Bonny: rendimento eccellente in Campionato e in Champions sia in fase di contenimento, che in quella realizzativa; tanto da porlo come punto di forza dell’attuale Juventus.

Un difensore con l’ottimo senso della posizione, con il genio e la freddezza del goleador non è facile trovarlo in giro per l’Europa.

Ed allora scusaci Leo se abbiamo dubitato di te; continua pure a farci godere con le tue prestazioni da vero campione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...