Un lampo accecante “salva” la serata sbiadita del maestro

pirloooooooooooooooooooo

A volte basta un attimo, un’idea rapida che passa nel cervello, un colpo di genio ed una serata storta può diventare allo stesso modo importante per un fuoriclasse.

Questo in breve è stato il riassunto della gara di ieri sera di Andrea Pirlo, l’uomo più atteso, più richiesto alla vigilia di questo decisivo match di Coppa.

Saranno stati i 50 giorni di inattività, sarà stata la morsa a centrocampo preparata dai francesi o semplicemente una serata storta; fatto sta che Pirlo è stato per quasi tutto il match l’ombra di sè stesso, con numerosi errori di appoggio , che soprattutto nel primo tempo sarebbero potuti essere letali.

La manovra bianconera, che in Europa aveva acquisito una certa velocità e dinamismo, soprattutto nel ribaltare velocemente il fronte di azione; ieri è sembrata lenta ed impacciata, con Mozart, spesso rallentato nell’idea di gioco.

Eppure, quando hai un campione come il bresciano in campo, anche in una serata difficile, il colpo di genio è sempre dietro l’angolo. Detto fatto; lancio illuminante per Morata al minuto 57 e rigore per i bianconeri, poi siglato da Arturo Vidal.

Insomma, anche ieri pur non esibendo la sua migliore prestazione stagionale, Andrea Pirlo, a modo suo, è stato nuovamente decisivo, contribuendo in modo determinante ad una vittoria pesante in vista del match di ritorno.

Al termine della partita, Allegri ha sostenuto che fra 8 giorni Pirlo avrà una condizione migliore di stasera: come per ribadire il concetto,che nonostante gli alti e bassi, questa Juventus non può non prescindere dal suo geniale maestro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...