Il binario giusto

parma-juventus-diretta-mauri-770x515

Quando ci si ritrova improvvisamente catapultati troppo in alto, si rischia paurosamente di cadere e farsi male.

E’ successo ieri alla Juventus di Max Allegri, che ha dovuto inchinarsi, in maniera alquanto sorprendente ed incredibile, al falcidiato Parma di Roberto Donadoni.

Se sia solo un clamoroso ma umano errore di percorso nell’arco di un periodo straordinario, oppure sia una preoccupante discesa psicologica,dopo l’esaltazione dei bianconeri in quest’ultimo periodo; lo capiremo solo Martedì contro il Monaco.

Ciò che è emerso dalla lezione subita ieri, è stata la battuta d’arresto nell’acquisizione di quella maturità psicologica tipica dei top team europei, che nonostante un processo di crescita esponenziale durante questa stagione; ancora non è del tutto completata.

Non basta il pensiero fisso della Champions League a giustificare una prestazione alquanto svogliata e a tratti imbarazzante: le cosiddette “seconde linee”, ieri avrebbero dovuto “mangiarsi l’erba”, viste le poche occasioni avute in questo Campionato.

Ed invece, Coman e compagni; non solo sono sembrati le brutte figure di Tevez e Pogba, ma hanno mostrato una voglia di giocare, alquanto insufficiente, per gente che ha tastato il rettangolo verde di gioco pochissime volte in questa annata.

Se sia un  calo da “risparmio” psicologico in vista della gara di Martedì o sia una brusca frenata di crescita mentale, lo capiremo solo fra due giorni.

Una cosa è chiara: se i bianconeri vogliono riavvolgere il filo magico tessuto fino a ieri, devono assolutamente cambiare destinazione e riprendere il binario giusto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...