Fiorentina-Juventus 0-3 : viola fatti a Salahtini!

Soccer: Italy Cup; Fiorentina-Juventus

Infinito cuore bianconero.

Potremmo riassumere in questa breve e concisa frase l’essenza dell’ennesima serata magica che i bianconeri di Allegri hanno regalato a tutti i tifosi. La Juventus tritura la Fiorentina, ribaltando l’1-2 della gara di andata, fornendo una prova di maturità, qualità e di carattere, pur priva di gente come Pirlo, Pogba e Tevez.

I bianconeri, sono undici leoni in campo, che mordono le caviglie di Salah e compagni e costringono la Fiorentina all’angolo del ring, come un pugile che attende solo il suono della campana.

Ma, dopo venti minuti di studio, gli ospiti pungono improvvisamente con Alessandro Matri, gettato nella mischia a sorpresa dal tecnico livornese al posto del fuoriclasse Tevez.

Il bomber di Sant’Angelo Lodigiani, non si fa pregare due volte e alla prima palla in area di rigore punisce Neto di esterno destro. Una volta essersi impossessati del centro del ring, i bianconeri continuano a creare occasioni, con gli scatenati Sturaro e Pereyra, che con i loro inserimenti vanno più volte vicini al raddoppio.

Rete che arriva, puntualmente sul finire del tempo con il 4 x quattro 4 argentino che insacca in rete una corta respinta di Neto sul tiro a giro di Morata.

Nella ripresa, chi si attende la furiosa vendetta viola, ci rimane con un palmo di naso: la Juventus continua a mietere gioco ed occasioni; con Neto in serata di grazia che cerca di prendere il possibile dalla propria porta.

Emblema dalla serata è la parata che il portiere viola esibisce su Pereyra; salvo poi capitolare sull’angolo successivo con la girata volante di Bonucci: la Fiorentina questa sera era sotto assedio.

Nel finale, l’orgoglio viola si spegne sul muro difensivo di Chiellini e sui guantoni di Marco Storari; che nega ai padroni di casa il gol della bandiera.

Unica nota stonata nel finale è l’eccessiva espulsione inflitta da Massa a Morata, che non gli permetterà di giocare la finale.

Ma, come abbiamo visto questa sera; questa eroica Juventus può permettersi di cambiare gli uomini; tanto la sostanza non cambia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...