Ecco perchè Vidal non fa più il Vidal

Fra le tante note liete di questa nuova Juventus di stampo allegriana 2014-2015, ce n’è una che stride rispetto alle altre: Arturo Vidal.

Il guerriero cileno, infatti, in questa stagione sta subendo un’involuzione sia a livello di gioco, ma sopratutto in quello realizzativo: dato indicativo è rappresentato dalle sole sei reti, per lo più tutte messe a segno in Campionato.

Certo per un centrocampista tali gol non sono poca roba, ma non appartengono agli standard di “Re Arturo”; uno capace in queste ultime tre stagioni, ad andare a segno per ben 40 volte.

Cosa sarà successo quindi al numero 23 bianconero?

Molti sostengono, che il calo sia dovuto ai problemi al ginocchio che il cileno si è portato dietro dai mondiali , che non gli hanno permesso di effettuare una preparazione al top; altri invece avallano la tesi della diversa posizione a livello tattico trovatagli dal nuovo tecnico Allegri, che lo colloca spesso come vertice avanzato nel rombo di centrocampo.

Il motivo fondamentale però potrebbe essere semplicemente, il diverso metodo di gioco che questa nuova Juventus ha rispetto al passato. Quella odierna , infatti, è una squadra meno aggressiva, che privilegia più il palleggio e che esalta molto di più gli attaccanti, su tutti Tevez.

La differenza con quella contiana , infatti, è evidente: di conseguenza, l’inserimenti dei centrocampisti sono limitati ed il pressing aggressivo ed immediato sull’avversario, quando esso entrava in possesso di palla, sembra oramai solo un lontano ricordo.

Ed è cosi che il nostro guerriero, più di ogni altri, sta soffrendo questa mutazione di gioco collettiva, “limitandosi” solo a spezzare il gioco in mezzo al campo. A differenza dell’altro tenore dello stesso settore, Pogba; Arturo non possiede la giocata da fuori area o la penetrazione palla al piede: ed è così spiegata la sua involuzione in zona gol.

Nonostante ciò, però, il suo contributo a centrocampo, nelle ultime partite, si sta rivelando sempre più utile ( Dortmund docet) :Arturo sta crescendo di condizione e siamo sicuri che nonostante le “limitazioni” di gioco, metterà ancora qualche timbro decisivo, magari in una magica notte europea…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...